Pagine

11 agosto 2006

TRA UN INDULTO ED UNA CITTADINANZA FACILE, ALZANO I MURI ...

Un muro di acciaio spesso 4 millimetri, lungo 84 metri e alto 3. E' stato eretto nella zona di Via Anelli a Padova per isolare il quartiere dello spaccio di droga. La decisione è stata presa dalla giunta comunale di sinistra della città veneta.
Ma come il vostro amato presidente del consiglio con i vostri amati ministri decidono per un indulto e soprattutto per una nuova sanatoria e per la cittadinanza regalata e voi???? Fate i muri per isolare gli extracomunitari che spacciano la droga??? Ma come la droga? Che problema c'è...il ministro Ferrero potrebbe premiarli, in fondo non spacciano mica bottiglie di vino, solo un pò di droga... Ah!!!! Ma forse hanno alzato il muro per fare un enorme stanzone del buco!!!! nessuno l'ha capito, ma deve essere così!!!!
Sei palazzine sono così state chiuse in una specie di recinto con ingressi obbligati e sorvegliati dalla polizia. Da un lato le bande di spacciatori dall'altro cittadini italiani che vogliono vivere in sicurezza.
Insomma hanno eretto il simbolo della resa alla delinquenza in una città diventata la «Beirut dell'Occidente». Da sinistra dicono che è "solo una recinzione" La tensione nella zona resta alta. L'ultima guerra tra i clan della droga è stata meno di 10 giorni fa quando spacciatori magrebini e nigeriani si affrontarono in una vera e propria battaglia a colpi di machete e coltelli. La polizia ha arrestato qualche giorno fa tre immigrati proprio in via Anelli. Uno aveva 120 grammi di cocaina. Roba da poco, vero ministro Ferrero??
E poco distante, in zona Portello, nella notte un gruppo di magrebini ha lanciato sassi e bottiglie contro alcuni bar. Il motivo: uno di loro era stato cacciato da un locale perché ubriaco e molesto. So ragaaaaaazzzzziiii, vero on. Caruso?
Ora diventano italiani e tutto si mette a posto, o no ...

3 commenti:

Wildghost ha detto...

Io abito a Bassano del Grappa, a 30 km da Padova, molti miei amici vivono li nella veste di studenti universitari e mi hanno raccontato eventi che neanche nei film di Quentin Tarantino ho visto.... Gente che non puo' entrare in casa propia perche' deve aspettare che dall'androne di casa i tossici finiscano di bucarsi e se ne vadano per evitare casini. Universitari che tornando dalle ferie estive si trovano la porta dell'appartamento scassinata, e dentro un intera famiglia di extracomunitari che ormai vi abitano da un mese. Gente che dopo le 20.00 non puo uscire per paura di essere rapinati o peggio, polizia che non PUO' entrare in via Anelli per non essere attaccati da un branco di Magrebini spacciatori. Questa citta' e stata governata per parecchio tempo da una giunta di sinistra, e questi sono i risultati. Immaginate cosa puo' fare un governo di sinistra ad una intera nazione.... Pensate invece a Treviso e a Gentilini, li il crimine e' davvero diminuito...

Peppe ha detto...

Alessandra.. per la cronaca l'indulto è stato votato anche da Forza Italia. Però questo non lo dici: che vergognosa faziosità! E mi raccomando adesso rispondi: demagogia, demagogia, demagogia! Impara un'altra chiosa, fa bene averne una di riserva...

Alessandra Fontana ha detto...

Peppuzzo.... perdi il tuo tempo. Intanto faccio notare che l'articolo tratta più che altro della sanatoria (forse hai fatto confusione, ma io sono qui per chiarirti le idee...) e del problema degli stranieri con la cittadinanza "facile".
Circa l'indulto, penso sia una mossa pericolosa, giusta per "svuotare" le carceri che hanno una sovrapopolazione eccessiva, ma è stata gestita malissimo. Soprattutto dalla magistratura che avrebbe dovuto fare molti più "distinguo". Sai caro Peppe, non tutti i rappresentanti di F.I. hanno firmato per l'indulto alla camera, io non l'avrei firmato. Te l'ho già detto, NOI siamo diversi da voi. Da NOI c'è libertà di pensiero.