Pagine

06 aprile 2009

GRANDE MISSIONE ITALIANA IN RUSSIA

800 imprenditori, 12 gruppi bancari e 39 tra associazioni industriali ed enti: sono questi i numeri che danno la misura dello sforzo che Governo, Ice, Confindustria e Abi hanno messo in campo per organizzare da lunedì al 9 aprile prossimo, in Russia, la più grande missione di sistema mai realizzata.

La delegazione imprenditoriale sarà guidata dal Ministro per lo Sviluppo Economico, Claudio Scajola, e conterà sulla presenza a Mosca del premier Silvio Berlusconi che insieme a Putin sarà presente ad un incontro organizzato per martedì con gli imprenditori, a dimostrazione di quanto il governo italiano consideri la Russia un partner commerciale strategico e, più in generale, queste missioni di sistema un volano fondamentale per il rilancio economico del nostro Paese.

Le imprese saranno accompagnate dai vertici dei tre enti organizzatori: Emma Marcegaglia (Confindustria), Umberto Vattani (Ice) e Corrado Faissola (Abi). «Nonostante la crisi - ha detto il ministro Scajola - l’interscambio con Mosca è aumentato nel 2008 del 10%, per un totale di 26,5 miliardi di euro. Sono ben 500 le imprese italiane che operano stabilmente in Russia. E c’è spazio per crescere ancora».

Tra l’altro sarà mostrato al Presidente Berlusconi ed al Presidente Putin, il plastico di una città progettata in Siberia da uno degli architetti italiani più quotati nel mondo, Dante Benini.




La città si chiama Globe Town ed è il risultato della cooperazione internazionale tra il Governo della regione di Novgorod, e lo studio di progettazione di Dante Benini.



Conosco bene questo progetto perché Dante è un caro amico e per questo ve ne parlo. Lui è davvero uno dei “fiori all’occhiello” del genio italiano nel mondo.

Globe Town, “la città di tutti”, nasce in realtà per dare respiro alla ormai congestionata città di Novgorod, una delle più importanti e antiche megalopoli russe, costruita sulle rive del Volga.

La nuova città nascerà sulla riva opposta ed i suoi cittadini avranno servizi all'avanguardia e trasporti pubblici super efficienti, case e uffici orientati per sfruttare al massimo i raggi del sole e realizzati in vetro alluminio ed acciaio, strade larghe come autostrade, parcheggi interrati e soprattutto il sistema policentrico con attività ed edifici organizzati per limitare al massimo gli spostamenti (metropolitana, bus e navette monorotaia) un parco cittadino quattro volte più grande di Central Park, piste da fondo, che di inverno costeggiano romantici canali. La nuova città nasce già nel futuro, puntando sull'ecosostenibilità sfruttando tutto quanto può offrire la più moderna tecnologia.

L'acqua sarà organizzata in canali, il verde continuerà a prevalere e a garantire riserve di ossigeno, occupando 15 milioni di mq. Il sottosuolo sfruttato al massimo, con un sistema di immagazzinamento ghiaccio e acqua.

Rifiuti riciclati e trasformati in combustibile grazie ad un rigassificatore e per contrastare smog e inquinamento verranno utilizzati asfalti, cementi e pitture fotocatalitici.

Caratterizzata dalla grande sfera trasparente e illuminata (120 metri di diametro) che ospiterà il Centro delle Arti con teatri, cinema, musei, centri commerciali e servizi, Globe Town sarà pronta nel 2020, con inizio lavori nel 2010.

Il Presidente Berlusconi ed il Ministro Scajola avranno modo di mostrare alla Russia molte realtà di grande qualità ed un know how di altissima levatura.

Auguri alla delegazione italiana in Russia!!

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Cara Alessandra, ci hai mostrato una realtà italiana molto interessante. Non sapevo dell'esistenza dell'architetto Benini. Ora ho guardato su google e ho scoperto che è un bravissimo architetto.
Hai ragione, è un vanto per l'Italia!
Grazie per l'informazione.
Sei sempre preziosa.

Enzo Tricca

Alessandra Fontana ha detto...

Enzo ciò che scrivi è vero, sono felice di averti fatto scoprire una realtà importante dell'architettura italiana e internazionale.
Purtroppo la "kultura" di sinistra ha sempre valorizzato una parte dei talenti. La loro. E così siamo circondati solo da "certa" intellighezia.
E' ora di far conoscere anche i nomi di chi lavora con genio e competenza senza "sponsorizzazioni" ...sinistre... ;)

Anonimo ha detto...

Meravigliosa questa Globe Town!!! Non conoscevo Benini, ma ora (grazie a te) mi terrò informato.
Molto interessante anche la missione in Russia dell'Italia. Era ora che si facessero azioni di questa portata.
Berlusconi ha davvero una marcia in più.

Giovanni Lulli