Pagine

24 luglio 2006

E MENTRE ROMANO ROTOLA NEL BURRONE-PRC, SILVIO...

lavora per FI. Ha chiesto un rapporto sul partito. All'inizio doveva essere uno. Poi se ne sono aggiunti altri due. Ora, i rapporti stilati per riorganizzare Forza Italia, sono quattro. Berlusconi, ha deciso di mettere mano al nostro partito, nettamente primo in Italia sulla base del voto di aprile, ma da tempo in fermento per un rinnovamento dei suoi vertici e per la riorganizzazione dell’organizzazione territoriale.
Al posto di un romanzo, Berlusconi avra' cosi' sotto l'ombrellone di villa La Certosa ben quattro documenti da leggere, tutti di autori diversi, ma soprattutto con soluzioni differenti.
Il primo, quello che potrei definire ''ufficiale'', e' stato redatto dal coordinamento nazionale. Oltre 300 pagine che nella premessa analizza il voto di aprile. E non e' un caso: il 24% raccolto da Forza Italia rappresenta per l'attuale dirigenza la miglior difesa contro chi, nel partito, punta ad un rinnovamento dei vertici.
Autore del secondo contributo e' Mario Mantovani, eurodeputato ma soprattutto uno dei responsabili del 'Motore azzurro', la struttura creata in vista dei tre appuntamenti elettorali di quest'anno. E' un documento che si concentra su come mettere la struttura del 'Motore' al servizio del partito.
Il terzo 'rapporto' e' quello che in questi giorni ha scatenato parecchi mal di pancia. E' quello dei cosiddetti ''quarantenni'', giovani esponenti azzurri su cui da tempo Berlusconi ha messo gli occhi per rinnovare l'immagine di FI. In piu' di un'occasione, soprattutto in campagna elettorale, il Presidente ha infatti detto che vorrebbe che la maggior parte del partito fosse composta da persone sotto i cinquant'anni. Sta di fatto che a Montecitorio si parla ormai apertamente di questo gruppo di "giovani" che rappresentano, se non una corrente, almeno un affiatato e variegato team. Questo rapporto è, diciamo così, un semplice ''contributo di idee''. per rinnovare la dirigenza del partito.
Il quarto e ultimo rapporto e' di Bruno Ermolli. Lui e' un guru della consulenza aziendale e questo contributo avra' certo un peso nelle future decisioni del Presidente.
Naturale che, a seconda dell'autore, questi contributi ottengano il sostegno o scatenino l'ostracismo delle diverse anime del partito. A Berlusconi, come sempre, spettera' l'ultima parola, avrà tutta l'estate per ''riflettere''.
Le decisioni a settembre, quando con grande probabilità dovremo anche fare i conti con il crollo di Prodi & C.

2 commenti:

Mithrandir ha detto...

Anche se il risultato elettorale è stato buono, rimane necessariio un rinnovamento di Forza Italia da cima a fondo, nella struttura, negli uomini e nel rapporto con la base. Ne ho parlato anche in un vecchio post che rimane di attualità (certi problemi, in FI, sono gli stessi da anni):

http://varano.blogspot.com/2006/02/un-partito-che-non-esiste.html

Comunque, per settembre, speriamo bene...

Ciao

Giuseppe Sagliocco ha detto...

Ciao Alessandra...sono d'accordo con te, ne abbiamo parlato e abbiamo accennato assieme a FATTI e MISFATTI....E' necessario un rinnovamento, questo è poco ma sicuro...Spero nel Settembre ROSSO...ehehehehe...per Prodi, ovviamente..Saluti e baci azzurri